Costituito ufficialmente il BIODISTRETTO di Greve in Chianti

greve

Greve in Chianti aderisce ufficialmente alla rete dei “Biodistretti” di AIAB, ovvero quelle aree geografiche in cui agricoltori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stabiliscono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo (filiera corta, gruppi di acquisto, mense pubbliche bio).

L’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, promotrice di questa pratica innovativa, dal 2009 è impegnata attivamente nella promozione e nel coordinamento dei Bio-distretti in altri territori del Paese dove la promozione dei prodotti biologici si coniuga indissolubilmente con la promozione del territorio e delle sue peculiarità, per raggiungere un pieno sviluppo delle potenzialità economiche, sociali e culturali.

Aderendo al Bio-distretto, gli enti locali e le amministrazioni pubbliche si impegnano a diffondere nel territorio la cultura del biologico attraverso un’ampia gamma di iniziative come dichiarare il territorio OGM free, promuovere l’informazione e la valorizzazione del modello dell’agricoltura biologica nel territorio, valorizzando la cultura, il turismo e le produzioni tipiche locali, sostenendo gli acquisti verdi, favorendo lo sviluppo delle mense biologiche nelle scuole, nelle strutture pubbliche e sanitarie.

Sono questi alcuni degli impegni che anche il Bio-Distretto di Greve in Chianti ha deciso di assumersi con l’assemblea per la nomina degli organismi. Come presidente del Bio-Distretto è stato indicato il sindaco Alberto Bencistà. <<Adesso – ha dichiarato Bencistà – preparerò una proposta di programma  per iniziare l’attività vera e propria, con attenzione particolare  anche all’allargamento della base sociale. Il Bio-Distretto, infatti,  è rivolto ai produttori ma anche a tutti i cittadini che ritengono importante vivere in armonia con l’ambiente, mangiare sano, utilizzare energie rinnovabili, portare al massimo la raccolta differenziata  dei rifiuti, per costruire il futuro. L’augurio da parte nostra – conclude – è che anche i Comuni del  Chianti inizino a dimostrare interesse. Stiamo ricevendo richieste e  attestati da ogni parte d’Italia (e d’Europa). Per parte nostra  solleciteremo al massimo le associazioni e gli agricoltori a  interessarsi e occuparsi di questo progetto per il loro futuro e per  il futuro del territorio chiantigiano>>.

Deja tu comentario

Su email no será publicado. Campos requeridos *

Seguici in Facebook