Biodiversità – e non gli OGM – quale strategia per la sicurezza alimentare

Biodiversit

A cura di Luca Colombo – ricercatore, segretario generale FIRAB

Un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Agronomy for Sustainable Development (Jacobsen et al., marzo 2013, Feeding the world: genetically modified crops versus agricultural biodiversità) ha concluso che le colture GM non contribuiranno a nutrire il pianeta. Al contrario, stanno ostacolando gli sforzi per alimentarlo  in modo sostenibile, mettendo in pericolo la diversità biologica e genetica esistente.
Gli autori sostengono che l’agrobiodiversità dovrebbe essere un elemento centrale nella realizzazione dell’agricoltura sostenibile e che l’accesso alle risorse genetiche è cruciale per garantire la produzione alimentare per una popolazione mondiale in espansione sotto la minaccia del cambiamento climatico. A questo scopo confligge lo sviluppo delle colture GM concentrate nelle mani di interessi corporativi occidentali attraverso gli strumenti della proprietà intellettuale.
Particolarmente preoccupante è il fatto che “la parte prevalente dei fondi pubblici di ricerca agricola in Europa e nel resto del mondo è assegnata a progetti tecnologicamente avanzati, forieri di prestigio scientifico e investimenti aziendali, ma a volte con obiettivi dubbi e impatti discutibili”. Questo aspetto determina un chiaro limite di prospettiva, dirottando risorse verso soluzioni fondate sulla gestione sostenibile dell’agroecosistema che ospita, conserva e adatta la biodiversità. “Sussiste il pericolo che la risposta scientifica alla carenza alimentare globale sia basata esclusivamente su metodi che mettono a rischio la diversità esistente”, mentre “la produzione alimentare può essere meglio compresa e fomentata quale frutto dell’interazione di genotipo, ambiente e gestione dell’agroecosistema “, come afferma l’articolo.
“Quando gli scienziati cercano di migliorare le colture con l’aggiunta di geni per la resistenza a siccità, parassiti o patogeni attraverso l’applicazione dell’ingegneria genetica GM, rischiano di chiudere un occhio sullo studio del germoplasma esistente che già possiede molte delle caratteristiche desiderate.

L’abstract dell’articolo è disponibile su: http://link.springer.com/article/10.1007/s13593-013-0138-9

Deja tu comentario

Su email no será publicado. Campos requeridos *

Seguici in Facebook